Che fine ho fatto

Di fashion blogger sfigate e ricerca di senso

35 copia

Dell’assenza di una blogger sfigata pochi si accorgono. Ma basta una sola persona che mi chieda perché ho messo da parte il blog a spingermi a scrivere questo post.

No, non ho intenzione di chiuderlo, lo amo con un’intensità che non conoscevo prima, credo in quel che sto facendo e penso di non poter fare a meno di questo piccolissimo angolo di mondo dove raccontare raccontare e raccontare.

Ma se un blog è l’espressione della persona che lo scrive, il mio in questo periodo è in un momento di grandi riflessioni e ripensamenti. Non sono stata alla settimana della moda, scegliendo deliberatamente di rinunciare al momento più bello dell’anno, ad andare in giro a scattare fotografie salendo e scendendo dai tram al volo. Ci ho rinunciato perché ho giudicato che ciò che avevo da fare era più importante.

Studiare ad esempio. Con una nuova consapevolezza, con una fatica e una passione che non ho messo la prima volta che mi sono laureata. Studiare lavorando, studiare di notte e in macchina, divorare libri e sapere con una fame atavica.

Lottare per difendere la mia terra, la Calabria martoriata, ferita dalla mafia e dai silenzi, destinata a fare da pattumiera all’Italia più ricca che pensa a far ripartire i consumi. Con la faccia, le fotografie, il corpo. Le immagini che ho scattato hanno fatto tanti giri e sono finite su molti giornali, “La rivolta dei narcisi” l’hanno chiamata e io sono fiera di averla documentata squarciando il silenzio a cui era destinata.

Sognare di incidere davvero sulla realtà e riuscire a cambiarla. Dare un senso all’essere persona.

Anche per questo sono una blogger degenere, non avrò mai successo e me lo merito. Non sono sul pezzo e non seguo abbastanza i social. Mi merito di non essere invitata alle sfilate e ai press day, di essere sistematicamente scartata dai PR, di non apparire nelle foto e nei credits.

Fate bene a non seguire il mio blog. Non sono una persona di successo, una a cui vi piacerebbe assomigliare. Sono troppo grassa per far da modello alle magre, troppo magra per ispirare le grasse. Sono troppo “comune”, troppo banale. Sono troppo vecchia, i miei 35 anni sono troppi per apparire in foto, in un mondo in cui i trend durano una stagione è come averne 100. Sono distante nel tempo e nello spazio, Milano è lontana anni luce da questo culo di mondo dove vivo. L’alta moda qui non ha senso, ci sono le scarpe piene di fango e la banalità della vita quotidiana.

Sono tutte voi quando vi svegliate la mattina e non avete tempo per truccarvi. Sono quell’immagine di voi allo specchio quel giorno che proprio non ce la fate a vedervi belle.

Fare da modello? Proporre un’immagine di successo? Consigliarvi di copiare il mio look, il mio trucco, i miei capelli? No, ragazze. Non è il posto in cui cercare questo. Niente celebrazione e autocelebrazione qui. Niente scorciatoie e consigli pronti. Tutto ciò che posso darvi io è un po’ di stimolo affinché, come me, lottiate per non perdete la vostra aura, cercando ogni giorno di diventare la persona che sareste fiere di essere.

La moda è un mezzo, un modo per celebrare la bellezza. Non lo sprechiamo!

54

 

103 120 83

  • http://iomipiaccio.blogspot.com/ Susanna Murray

    non ci abbandonare Antonietta! :) noi blogger abbiamo bisogno di voci fuori dal coro che raccontano altre storie, altri punti di vista e ci aiutano anche a “usare” la moda come strumento per esprimere noi stesse e non ad essere “usate” da certi rigidi standard dell’industria della moda. E comunque tu, con il tuo lavoro su questo blog, ti concedi di Sperimentare e Creare senza paura e questo può mettere a disagio chi ha bisogno di illudersi che la vita sia in bianco o nero. Tu invece ci racconti le sfumature e sei preziosa per questo.

  • http://pluskawaii.com/ Miria – Plus kawaii!

    Bè, per me, nel tuo “non essere un modello” sei un modello da seguire magnifico… e come sempre non riesco ad esprimere i concetti che ho in tesa a dovere…

  • http://www.verdementablog.com Ale_verdementa

    Anto, tu sei una bellissima persona, dentro e fuori, e la tua vita mi sembra veramente ricca di interessi e di contenuti… perché questo vittimismo, questo buttarsi giù così?

    • http://myvintagecurves.it/ My Vintage Curves

      Ale non è vittimismo, mi sento una forza capace di spaccare tutto invece! Ci credo tantissimo in quello che faccio e non avrei aperto il blog se non avessi creduto di aver qualcosa da dire. Ho raccontato un po’ della mia vita fuori di qui per spiegare a chi mi legge che succede. Come tutti ho momenti di esaltazione e di sconforto e ho pensato che non voglio nasconderli facendo strategie

  • http://www.verdementablog.com Ale_verdementa

    Anto, tu sei una bellissima persona, dentro e fuori, e la tua vita mi sembra veramente ricca di interessi e di contenuti… perché questo vittimismo, questo buttarsi giù così?

  • Angela

    Io credo che tu abbia usato parole che sono un’anima grande e nobile può saper usare. Fai quel che credi meglio della tua vita. Una sola cosa non la devi fare: non ti sminuire. Non sfregiarti così. Sei, come dici tu, come tutte noi: sei perfetta. Sei viva. Sei intelligente. Sei attenta al mondo. Sei tante cose belle . Non le svilire. Vivile. Hai tante, tantissime ricchezze. In bocca al lupo. Angela

  • josep-maria

    Antonietta, mi piace il tuo stile, il tuo aspetto e le vostre idee di moda, ma questo post è quello che mi ha colpito di più, è bellissimo. Le tue riflessioni mi e impatto dimostrano che dietro una bella ed elegante ragazza, è una donna impegnata intelligente, una combinazione perfetta. Congratulazioni per questo post e complimenti per essere voi.

  • http://walkingwithcake.com/ Catherine Harper

    I had to translate this post, but I found your blog recently and it’s a huge source of inspiration for me. I’m almost 36 and have a shape very similar to yours. I love your style and your attitude, as well as your curly hair, and I hope you’ll continue to write. You seem so elegant and fearless, and that is so refreshing in the world of fashion bloggers. I’ll definitely keep reading and I look forward to your posts each week!

  • http://www.divadellecurve.com/ divadellecurve

    Mia cara, forse lo pensi tu che nessuno segua questo blog o che nessuno si accorga della tua mancanza, ma sinceramente non ci credo che non sappia nemmeno tu che invece è un blog molto apprezzato. E’ proprio il fatto di non rientrare nei canoni (anche quelli di micro-nicchia) che fa di un blogger una luce speciale (e chissenefrega dei numeri e delle classifiche, attirano soprattutto troll, invidie, mobbing e ansie, quindi lasciamoli a chi ha il solo fine di arrampiacarsi e tolto quello poco avanza). Tu sei sempre stata una blogger anche di sostanza e di contenuto e prima o poi anche in italia qualcuno capirà che sono questi i blogger che contano perché hanno qualcosa da dire. Ho seguito le tue battaglie e siccome ho dentro anche io una parte di Calabria (se nasci nel nord-est ma con un quarto di sangue calabro e il mare selvaggio negli occhi non bastano mille luci a diluirlo, credi. Senza dimenticare che il governo corrotto che abbiamo ha ridotto in ginocchio anche zone prima ricche come il nord-est, quindi battaglie come queste, anche piccole, servirebbero ovunque) ho apprezzato molto. Ti capisco in molte cose, anche io sono fuori età e più di te, anche io non attiro i PR canonici perché non sono abbastanza ‘glam’ quando me ne frego e dico quello che penso di una azienda che non mi calcola come cliente da sempre, anche io mentre avevo battaglie mie molto più importanti da combattere quest’inverno ho cancellato ogni possibile contatto con press day e fashion week. Ma proprio per questo sento più che mai di avere qualcosa da dire e da dare e so che anche tu lo hai. Per questo magari non saremo le testimonial ideali di campagne patinate, ma se scriviamo un post qualcuno lo legge di sicuro tutto, per quanto lungo possa essere. E soprattutto per questo devono esistere i blog, non solo per la pubblicità di aziende in crisi.

  • Barbara Christmann

    Ciao Antonella, non scrivo molto alle persone, ma mi sono accorta della tua assenza. Sei una ragazza con un gusto ricercato e raffinato, sei una bella donna con uno sguardo profondo e intenso che dice più di mille parole. Capisco che ci si può trovare in un momento di difficoltà, chi di noi non lo conosce, ma non mollare cosi… prenditi un momento di pausa per capire quello che vuoi e poi vedrai che andrai avanti. Pensa che il tuo blog è stato segnalato l’anno scorso nel sito tedesco di navabi. Sei una persona più riservata, ma questo non vuol dire che non sei seguita o presa in considerazione.

  • Guest

    I’m a long-time follower of your blog from here on the other side of the world (Australia). I think this is an absolutely unique blog, and it touches on so many aspects of your life: the beauty of Calabria, your social and political commentary, the re-use of vintage clothing – not to mention it also being a celebration of your beautiful face and body and the clothes that you choose to dress yourself in! Please do keep going – you are making a difference, and the comments above here show that you have a following that very much enjoys what you contribute to the blogosphere.

  • Ago Prime

    che post meraviglioso!!! complimenti!!!
    http://www.agoprime.it

  • Kika

    Forse ti farà piacere sapere che nel mio piccolo di blogger arci-sfigata
    (secondo i parametri di cui parli nel post, mica i nostri, vero? ;)
    continuo a seguirti; a volte in silenzio, a volte cogliendo interessantissimi spunti
    di senso e bellezza nei tuoi post.
    È successo anche questa settimana: ho trovato in una tua foto
    una grande affinità con il look di una musa d’arte e ti ho inserita in questo gioco
    tra pittura, cinema e fotografia:
    http://lemusedikika.blogspot.it/2014/04/lapoteosi-delle-muse.html?m=

    A presto, continua a fare ciò che ami e ispirarci!!

  • Agoprime

    Bellissimo post, davvero delle belle parole. Non smettere mai di fare quello che ti rende felice e che ami!
    Ciao un bacio!

    http://www.agoprime.it